Il vecio vanlife

Vanlife e viaggi: vivere e viaggiare in van.. il nostro stile di vita

Viaggia, ama, lotta… ripeti.

Quanto ci manca la vanlife? Tantissimo!! Da ormai due settimane io e Max siamo in due posti diversi. Io dalla mia famiglia a Milano e Max a lavoro. Prima ha lavorato una  settimana alla fiera di Rimini e ora per alcuni giorni alla fiera di Bologna. Si trova con Shark al solito campeggio dove va da anni quando ha lavoro in fiera. Poi passerà a prendermi e torneremo in Friuli Venezia Giulia per qualche giorno prima della sua partenza per Berlino. 

Shark in campeggio a Bologna
Max al lavoro
Max a lavoro

A casa di mia mamma trascorro giornate tranquille e purtroppo anche monotone. Tre anni fa, poco prima di conoscere Max, avevo comprato il camper (Junior) proprio per cercare di cambiare vita, di evadere da questo paese che mi faceva e mi fa ‘mancare l’aria’. Anni a cercare lavoro, mandare curriculum ovunque e accettare un sacco di contratti a termine anche di soli pochi giorni. Una continua ricerca del ‘famoso’ lavoro a tempo indeterminato che non è mai arrivato. O per lo meno, ce lo avevo, ma l’azienda fallì e chiuse. Da quel momento per me sono stati anni in cui rincorrevo qualcosa che poi magari avrei fatto solo per lo stipendio e che non mi avrebbe dato soddisfazioni ma solo i soldi per arrivare a fine mese. Ma dentro ho sempre ‘covato’ una grandissima voglia di andare via, senza però avere mai avuto il coraggio di farlo. Devo ammettere che aver conosciuto Max mi ha ovviamente dato la spinta giusta per mollare tutto ed andare via da un posto in cui ero tristemente intrappolata. Un posto che mi dava solo delusioni, malumore, affanno, noia e tutta una serie di emozioni negative. Max è entrato nella mia vita al momento giusto.

Io e Max appena conosciuti

L’amore dà sempre la forza necessaria per fare quello che non avremmo mai creduto possibile. Ho sempre desiderato viaggiare e vedere il mondo, ma non sono mai arrivati l’idea giusta, la soluzione, il coraggio, l’opportunità. Purtroppo sono anche cresciuta circondata dal concetto del lavoro fisso, della casa di proprietà, dell’auto nuova e dell’apparire sempre al meglio per non essere giudicati dalla gente. Ed infatti proprio perché credo che si vive una sola volta, che non si vive per il lavoro, che tutto va vissuto in quel preciso istante e bisogna godere di persone e luoghi che ci donano emozioni allontanando la negatività, che non ho una casa di proprietà. Siccome mi capitavano solo lavori a tempo determinato non ho mai pensato di comprare casa accollandomi anni e anni di mutuo senza avere la certezza di poterne affrontare l’esborso e per cosi tanto tempo. E tu dirai: ‘ad oggi cosa ti ritrovi?’ Vero, non ho nulla a parte il van. Io e Max abbiamo deciso fin da subito che per poter godere della vita che volevamo vivendo in camper, non avrei lavorato per poterlo seguire (ove possibile) nei luoghi di lavoro per poi poter essere sempre pronti a viaggiare tra un lavoro ed un altro. E’ vero, ho rinunciato a tantissime cose materiali, sono sempre vestita sportiva, non mi trucco più ogni giorno come facevo prima e non vado più spesso dal parrucchiere, non faccio shopping compulsivo e non compro cose inutili solo per il gusto di avere l’ultimo modello e tanto altro, ma ho vissuto e sto vivendo emozioni che mai avrei pensato. Non è stato facile e tutt’ora non lo è. Cambiare 45 anni di abitudini è difficilissimo. Io e Max ci siamo scontrati e ci scontriamo tutt’ora per le diverse vite precedenti al ‘noi‘ e le diverse consuetudini che abbiamo. Già non è facile tenere in piedi un rapporto in condizioni ‘normali’, figuriamoci dentro un camper o un mini van, stando insieme 24 ore su 24 in uno spazio tanto piccolo! Entrambi abbiamo ‘modificato’ qualche vecchia abitudine mantenendo la nostra natura nel tempo. D’altronde abbiamo vissuto insieme da subito e quindi il percorso di conoscenza è ancora in corso. Tre anni come fossero 10! Ci amiamo e ci completiamo. Ammetto che sono io la più ‘ostica’ tra i due. Max è cresciuto nella natura, viaggia fin da quando era ragazzino e grazie a questo ha una mente apertissima e affronta le difficoltà in maniera efficace e veloce. Ha vissuto in auto, camper, van ed è preparato e abile nel far fronte alle avversità che si possono presentare durante i viaggi. Conosce i motori molto approfonditamente, conosce i camper, i van, il mondo del plein air, trova facilmente i posti per la notte e, credimi, conosce tantissime strade sia in Italia che all’estero. Si orienta in maniera impeccabile se siamo in posti nuovi e fiuta subito se un luogo non è sicuro. Sa sempre cosa fare e come farlo e naturalmente è completamente autonomo e non avrebbe ‘bisogno’ di nessuno. 

Io, al contrario, sono cresciuta in una specie ‘campana di vetro’. Ho viaggiato pochissimo e sempre in modo ‘classico’, programmato e senza apprezzare fino in fondo il luogo che visitavo. Infatti non osservavo attentamente, non ‘respiravo’ i posti e non assaporavo a fondo  i paesaggi, i contesti, le atmosfere che avevo intorno. Da tre anni a questa parte invece ho imparato e sto imparando ad osservare, assaporare, a respirare i luoghi ed emozionarmi davanti ai paesaggi e agli scenari che mi si presentano davanti e fare tesoro di ciò che vedono i miei occhi. Io ero impreparata a questo stile di vita. Per me è tutto nuovo, ogni giorno. Non c’è routine nemmeno se siamo in un posto già visto mille volte. Non sono completamente autonoma in certe situazioni e naturalmente mi ‘appoggio’ a Max. Lui è il mio mentore, la mia guida, la mia bussola. Penso che se fossi da sola riuscirei comunque ad affrontare le difficoltà che si presenterebbero vivendo in van, in strada, non tra quattro mura, ma sicuramente non velocemente come Max, e in diversi casi avrei bisogno di altre persone (meccanico, elettrauto ecc.). Ho cambiato molto di me e ne sono contentissima. Sono molto diversa dalla persona che ero tre anni fa e questo lo devo a Max. Ho ancora tanto da ‘smussare’, lo so, e credo che pian piano ce la posso fare. L’amore che proviamo l’uno per l’altra è forte e se si vuole stare insieme si possono superare tutte le insidie della vita. Un piccolo segreto per coppie che come noi stanno insieme h24 è di ritagliarsi del tempo per se stessi. Stare un po’ lontani ogni tanto è propedeutico.

Noi e Junior in Spagna
Junior in Spagna

Purtroppo la pandemia, come un po’ a tutti, ha dato filo da torcere. Max ha lavorato poco e su alcune cose ci siamo dovuti limitare ma siamo riusciti attraverso il minimalismo a viaggiare molto nonostante le limitazioni che il Covid ha portato. E adesso ci si è messa anche la guerra! 

Questo per dirti che mi sto attivando per trovare lavoro. Ma adesso mi serve a tempo determinato! Non sempre posso seguire Max ed è giusto che anche io contribuisca al ‘budget familiare’. Ci sono progetti che vorremmo realizzare e per questo servono le forze di entrambi. Non sarà facile purtroppo. Ho quasi 48 anni, ho fatto mille lavori diversi (commessa, operaia, operatrice telefonica, agente immobiliare) non specializzandomi in nessun settore ed in più ho questo lungo periodo di ‘stacco’. Come scritto prima sono stata un po’ sfortunata per quanto riguarda il lavoro nonostante abbia un diploma. Sto studiando un po’ per lavorare in smart working da autodidatta. Sarebbe il caso di comprare qualche buon corso, lo so, ma in questo momento siamo molto limitati con il bilancio familiare. Mi piacerebbe molto intraprendere un lavoro da Social Media Menager o ancora meglio da Copywriter, anche se il mio inglese lascia molto a desiderare. In ogni caso mi piacerebbe anche molto lavorare nel settore camper o in campeggi ed aree sosta e un piccolo grande sogno sarebbe quello di lavorare con la mia voce (voce fuoricampo, pubblicità, audiolibri, ecc.).

Ho scritto questo articolo di getto, senza pensarci. L’ idea mi è venuta stamattina mentre passeggiavo lungo il naviglio. Oggi qui, in provincia, c’è un bel sole e la temperatura è gradevole. Infatti credo che tra poco uscirò di nuovo a camminare. Max mi manca molto, nonostante ci sentiamo più volte al giorno, ma se glielo dico lui risponde: il mona deve lavorare per portare la pagnotta! E si scoppia a ridere. Altro piccolo segreto: ridere insieme. Sempre! Mi manca anche il nostro Sharkino a la bellissima vita che facciamo insieme a lui.

Iscriviti al nostro canale e attiva la campanella delle notifiche per non perderti i prossimi video: è gratis, e per noi è importante per continuare a viaggiare e mostrarti tanti posti nuovi. Ci trovi anche su Facebook e Instagram dove pubblichiamo quotidianamente tante foto e aggiornamenti sui nostri spostamenti. Se ti è piaciuto questo articolo faccelo sapere commentando qui sotto. Ci teniamo tanto alla tua presenza e al tuo parere. Grazie e alla prossima!

Io, Max e il Vecio
Io e Max nel Vecio

Lucy & Max

20 pensieri su “Viaggia, ama, lotta… ripeti.

  1. Racconto veramente bello, conoscendo bene bene tutta la tua storia, ci vogliono le palle …. Cosa che voi avete !!! Ho conosciuto MAX davanti a una birra e mi è bastato capire che è una persona veramente speciale. Grandi ragazzi

  2. Non so come mai…., ma gli occhi mi si sono arrossati e un po’ mi lacrimano. Sarà una congiuntivite ?? Mi sa di no.
    Ciao Lucy, mi hai fatto proprio emozionare !!!
    Un Grande abbraccio a Voi da parte nostra.

    1. Ciao Fabrizio! Siamo noi emozionati nel leggere le tue parole. Grazie infinite ❤😘😘😘 Un abbraccione a voi! 😘😘😘

  3. Complimenti ho letto L articolo tutto d un fiato ed è come se fossi stata io a vivere tutto ciò che c’è scritto… complimenti e buona vita🥰

  4. Bellissimo racconto e bellissima storia d’amore che ho visto nascere a Parma ! Un abbraccio a voi e l’augurio di buona vita ! con affetto

  5. Ogni tanto serve sentire che intorno a noi esiste ancora chi è alla ricerca del vero senso della vita. Tante brutture, la guerra, l’egoismo ma poi c’è Lucy che con coraggio ci ricorda che cambiare è possibile, che la condivisione è ancora un valore che possiamo provare a “smussare” gli angoli …quanta positività! Grazie Lucy, perché nella semplicità ci aiuti a ricordare che la vita va vissuta non per accaparrare
    beni effimeri, proprietà, oggetti ma cercando di scoprire ogni giorno quanto è bello stupirci di ciò che ci circonda. Un abbraccio e buona fortuna per i vostri progetti!

    1. Ciao Nadia! Grazie a te che mi fai emozionare con le tue parole. Non tutti potrebbero vivere cosi, ma è alla fine è proprio questo il bello. Siamo tutti diversi. E il mondo ha bisogno di tutti 🙂 Grazie ancora. Un abbraccione a te! :*

  6. Ciao Lucy sono Sergio di Iroso il mulo , complimenti nell’articolo veramente è scritto molto bene . Devo dire che adesso sono impiegato su due fronti a seguirvi e devo dire che non è male . Ciao un bacione a te e un abbraccio al Mulon

    1. Ciao Sergio!!! Grazie mille. Gentilissimo come sempre. Scusa se rispondo solo ora. Ovviamente ti ringraziamo sia io che Lucy. Un abbraccione a te!

      1. Lucy capisco che non sei sempre sui pezzi come Max ognuno abbiamo i nostri problemi comunque siete veramente grandi , vedi qui ho scritto in italiano e non in dialetto 😂😂😂😂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.