Il vecio vanlife

Vanlife e viaggi: vivere e viaggiare in van.. il nostro stile di vita

Vivere e viaggiare in van: non tutti i mali vengono per nuocere!

Tornati in Italia abbiamo dovuto sbrigare un paio di faccende tra cui il rifacimento della mia carta d’identità che ho smarrito a Monaco. Te ne abbiamo parlato in un video sul canale YouTube, raccontando anche l’iter da seguire in questi casi. Dal consolato italiano a Monaco non ho mai ricevuto risposta alle due email che ho inviato. E non siamo stati di certo in attesa di un loro riscontro dato che dovevamo rientrare. In ogni caso è bastato fare denuncia di smarrimento dai carabinieri e andare in Comune (previo appuntamento) a rifare il documento. Trovi il video qui. Ma la fortuna ci remava contro… 

Immagine copertina video

Come di consueto non ci facciamo mai mancare la tappa a Grado (GO) e dopo giorni di grigiore e freddo in terra tedesca il mare ci mancava come l’aria. Per fortuna viviamo in van e in qualsiasi momento possiamo dirigerci dove più ci piace. Ad ogni rientro in Friuli Venezia Giulia è praticamente un rito fermarci a Grado per qualche giorno. Passeggiamo o facciamo sport sul lungomare, andiamo in centro a mangiare il gelato, ad ammirare le barche al porticciolo, e ci gustiamo sempre bellissimi tramonti sul mare che ogni volta fanno emozionare! Grado ci ricorda tanto Tarifa, in Spagna, per come tramonta il sole. Di fonte a Tarifa si vede il Marocco, mentre a Grado si vede la Croazia. Per questo per noi si somigliano molto! 

Venerdi 4 marzo, poi siamo andati a Muggia dagli amici Cristina e Corrado della concessionaria camperCentro Vacanze’ per un saluto e nel mentre si chiacchierava ci hanno fatto rimanere in officina per la riparazione del soffietto in quanto erano arrivati i pezzi di ricambio che aspettavamo. A dirla tutta è stata fatta anche una modifica per aiutare i pistoni del soffietto nella fase di salita nel punto in cui sforzano di più (la parte iniziale). Come sai solleviamo il tetto ogni giorno e stiamo cercando una soluzione ideale per noi che sostituisca i pistoni idraulici originali. Se ti va di saperne di più, il tutto è spiegato nel dettaglio nei video che abbiamo pubblicato sul canale YouTube.

Centro Vacanze a Muggia

Dovendo tornare la mattina seguente per concludere il lavoro abbiamo deciso di dormire a Muggia. La sera Max va per accendere il Webasto e tempo quattro-cinque secondi quest’ultimo si spegne perché la batteria era esaurita. Completamente esausta! Sapevamo che prima o poi ci avrebbe abbandonato ma speravamo tra qualche mese per poterci permettere la batteria al litio. Invece ha deciso di lasciarci adesso! 

Appena lo abbiamo detto a Corrado, la mattina successiva, subito si è messo al lavoro per la sostituzione. Ci ha montato un’ottima batteria: una NDS GreenPower AGM da 100 Ah a scarica lenta. Per la litio ci toccherà aspettare ancora un po’. 

Batteria nuova

Nel frattempo si è presentato il primo lavoro del 2022 per Max a Rimini dal 9 marzo e abbiamo deciso che io avrei passato quei giorni con la mia famiglia a Milano. E cosi nel primo pomeriggio siamo partiti da Muggia con batteria nuova e tetto a soffietto riparato. Prima di arrivare a Milano ci siamo fermati a Brussa (VE) e Caorle (VE) per goderci l’aria di mare e far fare qualche volo al drone.

Iscriviti al nostro canale e attiva la campanella delle notifiche per non perderti i prossimi video: è gratis, e per noi è importante per continuare a viaggiare e mostrarti tanti posti nuovi. Ci trovi anche su Facebook e Instagram dove pubblichiamo quotidianamente tante foto e aggiornamenti sui nostri spostamenti. Se ti è piaciuto questo articolo faccelo sapere commentando qui sotto. Grazie e alla prossima tappa!

Noi in Galleria Vittorio Emanuele a Milano

Lucy & Max

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.