Il vecio vanlife

Vanlife e viaggi: vivere e viaggiare in van.. il nostro stile di vita

Sardegna in van: chilometri di sorprese!

Lasciata Punta Saline (SS) ci siamo spostati di alcuni km in direzione sud. Ogni giorno percorriamo qualche chilometro per poter vedere più posti possibili. Quindi ci fermiamo a pranzare in qualche spot in riva al mare e ci rimettiamo in strada per trovare un bel luogo dove passare la notte. Cerchiamo naturalmente siti in riva al mare e solitari. Diciamo che questa è la nostra routine per poter percorrere tutta la costa di questa meravigliosa isola. 

Inutile raccontarvi nei dettagli tutti i luoghi in quanto ci fermiamo, appunto, o per pranzare o per la sosta notturna. Oggi (16 dicembre 2021) siamo al sesto giorno in terra sarda e ogni metro percorso ci ha riservato delle sorprese. Chilometri e chilometri di paesaggi mozzafiato! Le nostre fotocamere sono roventi per quante foto e video facciamo ogni giorno.

Quando abbiamo sostato a Cala Gonone, l’unica frazione del comune di Dorgali (NU), abbiamo scoperto la spiaggetta di Cala Fuili scendendo il tortuoso sentiero fatto di decine di scalini. Una spiaggia costituita da pietre e ghiaie. La vista te la facciamo ammirare con le foto che abbiamo fatto …

Percorrendo, poi, la strada statale 125 (un tratto di diversi chilometri di strada di montagna), per andare da Dorgali (NU) a Tortolì (NU), abbiamo incontrato mucche, cavalli e addirittura un maialino sulla strada! Max ha dovuto sterzare di colpo per non investirlo in quanto è spuntato da dietro una curva. Non è raro infatti trovare cartelli che avvertono del pericolo di animali sulle strade. Per stare sulla costa era l’unica strada disponibile e la più breve. Max ovviamente era al settimo cielo perché siamo saliti quasi a 1000 m.t., mentre io avevo le vertigini. Mi sono, però, fatta forza e ho ammirato il paesaggio che ci si presentava. 

Giunti ad Arbatax (frazione di Tortolì) abbiamo incontrato Vivaldo, un ragazzo che ci segue sui social e, visto che eravamo di passaggio, ha chiesto di incontrarci. Presto diventerà fultimer e ha appena acquistato il suo van. Ne abbiamo approfittato anche per lavare i panni in una lavanderia self service. Abbiamo pranzato insieme presso un food truck. Abbiamo mangiato hamburger io e Vivaldo, mentre Max ha mangiato alette di pollo arrosto con anelli di cipolla. Cibo buonissimo e prezzi molto competitivi!

Noi e Vivaldo

Dopo di che ci siamo diretti a Capo Carbonara, un promontorio nella parte sud-orientale che delimita est il golfo di Cagliari ed è famosa per essere il luogo meno piovoso d’Italia. Abbiamo parcheggiato praticamente in riva al mare e abbiamo passato la notte. Max l’indomani mattina è andato su per un sentiero fino alla Torre di Porto Giunco.

Oltretutto c’è da dire che fino a pochi giorni prima del nostro arrivo sull’isola, ci hanno detto alcune persone, pioveva da più di un mese e che abbiamo portato il sole. Infatti le temperature sono ottime: di giorno siamo intorno ai 15-16 gradi (sotto il sole ancora qualcosa in più), mentre la notte siamo sui 6-9 gradi. Il Webasto lo accendiamo solo un paio d’ore la sera per farci la doccia e cenare e la mattina presto alle 6 per un paio d’ore. Sul soffietto Max mette la copertura invernale della tenda Overland che pur non essendo a misura ci protegge dagli spifferi e utilizziamo dei sacchi a pelo sul letto.

Oggi, dopo aver lasciato Punta Carbonara siamo scesi ancora di una trentina di chilometri per avvicinarci a Cagliari. Abbiamo trovato uno spot strepitoso a Cala Regina, nel comune di Quartu S. Elena, situato lungo la provinciale 17. Un angolo di natura selvaggia protetto da scogli e pareti. Una vista che a parole non si può descrivere! Sul promontorio è presente la torre di Cala Regina che domina la scogliera sottostante.

Troverai naturalmente i mini video giornalieri sul nostro canale YouTube e man mano (il giovedì e la domenica alle h 20.45) pubblicheremo i video approfonditi di questo bellissimo viaggio. Seguici anche su Facebook e su Instagram per aggiornarti sui nostri spostamenti. Grazie e al prossimo articolo!

Lucy & Max

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.